Provincia TerniToday

Alviano ricorda don Marcello, il vescovo Piemontese: a noi l’impegno di continuare la sua missione

Ad un anno dalla morte del sacerdote, la comunità parrocchiale ha organizzato un concerto e una raccolta fondi per completare la costruzione della nuova chiesa dello Scalo

Ad un anno dalla sua morte, la comunità di Alviano e la diocesi hanno ricordato don Marcello D’Artista con il concerto della Schola Cantorum “Don Bruno Medori” di Attigliano, riflessioni e proiezioni lo scorso 12 luglio nel cortile del castello di Alviano e con la celebrazione presso la chiesa della Madonna del Cardellino sabato 13 luglio, presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese. È stata inoltre organizzata una cena di beneficenza per la raccolta fondi per ultimare i lavori della chiesa parrocchiale ad Alviano scalo e portare a conclusione ciò che don Marcello aveva iniziato.

“Un anno fa abbiamo rivolto l’ultimo saluto a don Marcello - ha detto il vescovo - In questo tempo i nostri sentimenti, i nostri pensieri hanno avuto modo di andare ai momenti belli che abbiamo vissuto con lui, all’amicizia e al percorso fatto insieme. Con la sua morte ha affidato a noi l’impegno di continuare l’annuncio del vangelo, la missione, qui in questo luogo, in questa parrocchia, in questo territorio. Voi avete conservato questo invito di don Marcello e lo avete realizzato in qualche maniera. Ma dobbiamo pure chiederci con sincerità se un passo avanti lo abbiamo fatto, perché altrimenti viviamo un’esperienza un po’ superficiale. Per ereditare la vita eterna occorre mettere al centro della nostra esistenza e della nostra comunità l’amore per Dio, amato, cercato, accolto, abbracciato con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta l’anima, con tutta la nostra forza”.

“Ogni donna ha impresso sul suo volto quello di Gesù e noi abbiamo il dovere di riconoscerlo, di prenderci cura del fratello. Oggi si parla tanto di immigrati, con tutti i problemi, ma di fronte a ogni uomo e ad ogni donna che ha bisogno, occorre porsi con atteggiamento di figli e di fratelli. Don Marcello si è sforzato di fare così, ce la metteva tutta nel dimostrare e nel vivere la fedeltà al Signore e l’amore per i fratelli. Vogliamo chiedere a lui che preghi per noi, perché nel nostro cuore possa albergare sempre la compassione per i fratelli, oltre che a mettere al centro della nostra esistenza l’amore totale Verso Dio e così poter ereditare la vita eterna”.

Potrebbe interessarti

  • L'alcol denaturato e i suoi utilizzi per la pulizia della casa: una guida

I più letti della settimana

  • Terrore nel pieno centro di Terni: feriti un carabiniere e un dominicano

  • Comune di Terni, 126 nuove assunzioni: come fare per partecipare

  • Incidente stradale, un ferito grave all'ospedale

  • Giovane originario di Montecastrilli a Caduta libera: partita la sfida al nuovo campione

  • Chiede l’elemosina, ma è un incubo per tutti: denunciato per accattonaggio molesto. È la prima volta

  • Auto no-cost, scatta l’indagine dell’Antitrust: pratiche commerciali scorrette

Torna su
TerniToday è in caricamento