Provincia TerniToday

Teatro sociale, l’incubo ricomincia: nuova asta ad aprile, per comprarlo bastano duecentomila euro

Amelia, si arena la trattativa tra Società teatrale e Bnl per bloccare la vendita dell’immobile. La città torna a mobilitarsi per salvare il gioiello del Settecento

All’inizio dello scorso mese di dicembre, il comitato cittadino che ad Amelia era nato nell’aprile precedente per salvare il Teatro sociale finito all’asta aveva annunciato una nuova mobilitazione. Ed è di questi giorni la notizia che l’immobile nel cuore della città dalle mura poligonali torna in vendita. La prossima asta ci sarà il 24 aprile 2020: prezzo a base d’asta 275mila euro con una offerta minima di 206mila euro.

LEGGI | Teatro all’asta, tutti gli articoli

La vicenda è relativa ad un contenzioso tra Società teatrale, proprietaria dell’immobile, e la Bnl per un vecchio mutuo non onorato. Da qui la procedura di recupero crediti e la messa in vendita del palazzo del Settecento: la prima asta è stata bandita nel maggio del 2016. Ne sono seguite altre, tutte con lo stesso esito: deserte.

La perizia del Tribunale di Terni stima un valore superiore ai 6 milioni di euro, ma il tempo ha eroso drammaticamente quel valore con il risultato che oggi, chi volesse mettersi in tasca il bene, potrebbe farlo con poco più di duecentomila euro.

Una cifra piuttosto bassa, che ha spinto diversi amerini a costituire un comitato proprio con l’obiettivo di raggranellare una cifra sufficiente che potrebbe garantire la possibilità di una trattativa con l’istituto di credito così da evitare la vendita giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fine di un'era, chiude storico locale del centro di Terni: "Costi elevati e nessun incentivo"

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Morgan rifiuta la proposta di Terni città futura: “Mi permetto di sconsigliarvi il duplice invito”

  • Annuncio a sorpresa per il Bugatti di Terni: dopo i tanti attestati di solidarietà spunta la cordata per rilevarlo

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

Torna su
TerniToday è in caricamento