Provincia TerniToday

Un evento di inestimabile valore per Ferentillo: avviato il processo di beatificazione di Padre Francesco Romanelli

La ricognizione delle spoglie del Venerabile Padre Francesco Romanelli da Precetto è avvenuta presso la chiesa di Santo Stefano

foto di repertorio

Un evento di inestimabile importanza per la comunità ferentillese quello che si è verificato presso la chiesa di Santo Stefano a Ferentillo, con la ricognizione delle spoglie del Venerabile Padre Francesco Romanelli da Precetto - sacerdote e predicatore dell’Ordine dei frati minori Cappuccini - nato a Ferentillo il 27 febbraio del 1564 e morto il 6 gennaio del 1645 presso il Convento di S. Illuminata.

Alla presenza dell'Arcivescovo di Spoleto/Norcia Monsignor Renato Boccardo, accompagnato dal cancelliere della curia spoletina, Monsignor Giampiero Ceccarelli, il Provinciale dei Cappuccini dell’Umbria, Padre Matteo Siro, il parroco di Ferentillo Don Rinaldo Cesarini, la Soprintendenza e i parenti del Venerabile Francesco Romanelli, sono state riesumate le spoglie del fraticello ferentillese, così da poter avviare definitivamente il processo di beatificazione.

Tutto è iniziato infatti lo scorso anno – a seguito della santa Messa in suffragio del Venerabile Francesco - avvenuta nel suo Dies Natalis il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, tanto voluta dall'ex sindaco di Ferentillo, Paolo Silveri, dal Parroco Don Rinaldo, dalla Proloco di Ferentillo e dai parenti. La messa fu concelebrata dal Provinciale dei frati minori Cappuccini dell’Umbria padre Matteo Siro, il quale si impegnò in quel giorno nel riaprire quel processo di beatificazione che da secoli Ferentillo e i parenti del Venerabile attendevano.

Grazie ai documenti conservati presso l'archivio dei Frati Minori Cappuccini dell’Umbria è stata possibile la riapertura del processo di beatificazione e allo stesso tempo sono stati riportati alla luce tutti gli oggetti appartenuti al frate e conservati nei secoli. La popolazione ricorda con amore il suo Francesco, in particolare il miracolo della tramutazione delle pietre in pane e dell’attraversamento sulle acque del lago di Piediluco grazie all’intercessione del Signore. Del Venerabile Francesco fu avviato per tre volte il processo di beatificazione, prima nel XVII secolo, poi nel XVIII secolo e in ultimo da Papa Pio IX nel 1890, come ricordato in alcuni santini ancora oggi gelosamente conservati dai fedeli ferentillesi.

Le reliquie del frate, dopo accurata ispezione, sono state catalogate e rimesse in un’altra urna, chiusa con sigillo dell'Arcivescovo Boccardo e del Cappuccino Padre Siro. L’urna verrà successivamente esposta ai fedeli e si sta pensando ad un più complesso reliquiario in cui esporre anche gli oggetti di vita quotidiana del Venerabile. Nei prossimi mesi si avranno ulteriori notizie sul proseguimento dell'attività di beatificazione ed in attesa dell'atto finale la popolazione continuerà a riscoprire la vita di questo suo santo antenato e a celebrarne le sue opere miracolose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la ricerca: ecco quale sarà per l’Umbria il “giorno zero”. La proposta: provare a riaprire gradualmente

  • Emergenza Coronavirus, una splendida notizia arriva dalla struttura del ternano: negativi tutti i test

  • Coronavirus, la mappa del contagio: stop ai pazienti positivi a Terni città. Il dato si rafforza e dà speranza

  • Coronavirus, l’aggiornamento dalla mappa del contagio: a Terni città tornano a salire i soggetti positivi

  • Coronavirus, una grande speranza si accende su Terni e provincia. L’analisi comparata

  • Coronavirus, all’aviosuperficie di Terni atterra un elicottero. Arriva un paziente da Bergamo

Torna su
TerniToday è in caricamento